I video giochi

I video giochi

Messaggioda Pollicina45 » 14/07/2011, 6:35

Riprendo un articolo della Home Page :

videogiochi infatti si sono dimostrati un toccasana per allenare il cervello, capaci di divertire e di rilassare ma anche di determinare ottime occasioni socializzanti, soprattutto con i nipoti che nelle sfide davanti alla console potrebbero, a breve, ritrovarsi accanto un insolito avversario: il nonno!


Io ho cominciato a giocare on line ai giochi di ruolo nel lontano 93 cioè appena usciti......e continuo ancora oggi ho cominciato con Ultima On line, Diablo, adesso gioco a Wow da 4 anni e devo dire che mi diverto molto chiaramente non dico la mia età come fanno tanti giocatori della mia stessa età seno metterei in imbarazzo i giovani ma ho un account con mio figlio di 30 e lui è orgoglioso di me:-) a presto
Pollicina45
 
Messaggi: 5
Iscritto il: 12/07/2011, 10:09

Re: I video giochi

Messaggioda cato » 14/07/2011, 10:59

:D ...che dire, complimenti
cato
 
Messaggi: 29
Iscritto il: 01/07/2011, 15:02

Re: I video giochi

Messaggioda Pratalea » 14/07/2011, 11:42

Pure io qualche volta mi diletto a questo "sport"...mi piacciono soprattutto i giochi di abilità e riflessi, beh direi che me la cavo mica male !!! Però, come tutto, bisogna avere la giusta misura, se pur è vero che possono servire x allenare il cervello e divertire, se presi oltre un limite consentito potrebbero rivelarsi deleteri, riporto un articolo che fà riflettere..

La dipendenza da videogiochi può causare depressione e ansia.

MILANO - Per i giovanissimi sempre più videogame-dipendenti il rischio è di soffrire di depressione, ansia e fobia sociale, oltre che di andare male a scuola. Lo dice Douglas Gentile della Iowa State University, dopo aver monitorato per due anni, insieme a cinque ricercatori di Singapore e Hong Kong, lo stato di salute di 3mila ragazzini: per l'8-10% sono risultati giocatori patologici. I risultati del lavoro sono stati pubblicati sulla rivista Pediatrics, il giornale della American Academy of Pediatrics.

DIPENDENZA - Gli esperti hanno usato la "Bibbia degli psichiatri", ovvero il Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders dell'American Psychiatric Association, per stabilire quanti ragazzini nel campione avessero i connotati del giocatore patologico e monitorato il loro stato di salute psichica per due anni. È emerso che i ragazzini restano incollati ai videogiochi mediamente per 20 ore a settimana e che quelli dipendenti sono più inclini a sviluppare depressione, ansia e fobia sociale. Secondo Gentile questi disturbi sono una diretta conseguenza della dipendenza da console e non una caratteristica insita nel giocatore. Depressione e ansia sarebbero dunque conseguenze della dipendenza e la loro gravità direttamente proporzionale al grado di "subordinazione". (Fonte: Ansa)
:shock:
Pratalea
 


Torna a Il salottino delle chiacchiere

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Bologna n. 7706 del 27.10.2006 - Direttore Responsabile: Marco Fasolino